Liguori: “138 giorni di guerra. Saltano Bojo, Scholz e Macron. Muore Abe. L’inflazione vola. Chi pagherà le spese per fatti così straordinari?”

“Caro Piero, da 138 giorni c’è la guerra in Ucraina. Per quanto riguarda noi due, dopo otto giorni, avevamo già pensato che dovesse finire in qualche modo ma subito. 130 giorni di più sono veramente troppo.

Ci hanno però raccontato una favoletta per bambini: di là c’è il male, di qua c’è il bene. Tutto l’Occidente è vicino al bene. Basta stare uniti. Finanziare gli ucraini che combattono al nostro posto, mantenuti e sostenuti da noi per procura degli Stati Uniti. Tutto finirà bene perché se non riusciremo a prendere Putin fisicamente, il suo regime si sfalderà.

Io mi fermo qua: non voglio essere né dietrologo, né complottista. Ti racconto però cosa è successo l’ultima settimana”.

 

Clicca qui per guardare l’intervento completo del direttore Piero Sansonetti

 

Il Corriere intervista Sansonetti: “Fratelli Bianchi sono mostri perfetti, Willy ucciso come Cucchi ma loro non sono carabinieri”

“Non sono un provocatore e neanche un paraculo, uno che dice le cose per compiacere. Difendo quelli che sono dipinti come mostri, gli zingari, gli immigrati, ho difeso pure Marcello Dell’Utri. Lo stare dalla parte dei più deboli l’imparai dal Pci tanti anni fa”. Così Piero Sansonetti, direttore del Riformista, dalle colonne del Corriere della Sera, controbatte alla pioggia di insulti social che si è abbattuta su di lui dopo un post sui Fratelli Bianchi condannati all’ergastolo in primo grado per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte. Condannati anche a scontare la pena in strutture separate.

 

Continua a leggere

Liguori sulle dimissioni di Johnson: “Quando saremo abbastanza grandi per capire che la sua teoria sulla guerra è sbagliata?”

 

Porre fine alla guerra in Ucraina per contrastare la crisi economica che riguarda tutta l’Europa e avvalersi della figura del Papa per trovare una via d’uscita dallo stallo delle trattative. È questo il messaggio del direttore Paolo Liguori, che dallo studio di “Controcorrente” prova a fare il punto anche sulla politica interna, a partire dalle mosse del M5s: “Il mio amico e collega Piero Sansonetti mi ripete da mesi che Giuseppe Conte non esiste e ieri mi ha telefonato commentando “te l’avevo detto”. È andato da Draghi per presentare il suo programma, ma lo ha dimenticato – esordisce il direttore editoriale di Tgcom24 durante la puntata di giovedì 7 luglio, dove prova quindi ad allargare gli orizzonti – La gag non fa ridere gli italiani, personalmente mi sono distratto dalla politica italiana e ho iniziato a guardare di lato, dove euro e dollaro sono arrivati al pareggio. Non è un aspetto positivo per l’Europa, le nostre sanzioni ci stanno inguaiando, al contrario della Russia”.

 

Quindi la provocazione: “Putin è un dittatore orribile e possiamo pure rispondergli male, come abbiamo fatto negli ultimi tre mesi, ma pensate che Erdogan sia un sincero democratico? Draghi sei mesi fa gli ha detto che era un dittatore, mentre ora dice che è un nostro amico. Se questa è la politica realista, facciamola finita con questa guerra che sta mettendo in ginocchio tutti, a partire dagli ucraini”. Una teoria confermata, a suo parere dalla caduta di Boris Johnson, ritenuta “la punta di lancia, ancora più di Biden, di una teoria che diceva “più saremo feroci contro Putin, più il suo mondo si sgretolerà e sarà costretto ad andarsene”.

“Ora il suo partito lo ha mandato a casa, perciò quando saremo abbastanza grandi senza essere ideologici per capire che questa strada è sbagliata e dannosa? Tutte le guerre finiscono con una pace, con un trattato. Non si potrà stabilire cos’è l’Ucraina se non si chiude questa guerra e si stabiliscono i confini, così come è stato per noi con l’Istria”. E ancora: “Ho sentito dire con grande leggerezza che questa guerra si chiude solo quando lo decideranno gli ucraini e Zelensky, ma non è così. Quando si fa un’alleanza grande poi è questa che mette fine al conflitto, non il Paese interessato e basta. L’unica persona che oggi può andare a trattare con l’una e l’altra parte, perché è rimasta intatta e non abbiamo neanche ascoltato abbastanza, è il Papa“.

Marmolada, Liguori: “Inutile cercare le responsabilità della tragedia nello Stato. Sui mezzi d’informazione caccia al dolore dei parenti delle vittime”

L’Italia è un Paese emotivo, ma nella sua emotività delle volte si lascia andare a delle sciocchezze. Tutti i giornali e le tv, oggi, sono piene del dolore dei parenti delle vittime. Io capisco il dolore, anzi, lo condivido. Posso anche capire la rabbia. Ma se noi abbiamo un figlio, un marito, una moglie, un parente che ama fare parapendio, bungee jumping, paracadutismo, noi dobbiamo dire ‘voi rischiate’; non glielo possiamo impedire, però se cadono, se hanno un incidente non possiamo manifestare le responsabilità penali di uno Stato che non gli può impedire di fare quello che vogliono.

 

Clicca qui per guardare l’intervento completo del direttore Paolo Liguori

 

Caro spesa, Liguori: “Nessuno si occupa delle condizioni di vita degli italiani”

“Non è cambiata soltanto la qualità ma perfino la quantità. Visto che i gestori della distribuzione non amano far lievitare i loro prezzi, invitano i produttori ad abbassare leggermente le quantità delle cose confezionate, in maniera che il prezzo resti uguale. Se vai sulle cose a basso costo stai diminuendo la qualità. Perché si difende la marca? Perché è sinonimo di qualità. Ma il discorso è ancora più ampio. Il fatto che ci si occupi di tutto tranne che della spesa delle persone – parlo di politica, il governo, i giornali – che non si occupino di questo è uno scandalo perché ci si occupa dei problemi delle libertà e dei diritti – che per me, figurati, è il primo dei problemi – poi ci si occupa del problema del petrolio, del gas, del grano, giustissimo, dobbiamo portare l’attenzione della gente su queste problematiche. Ma non ci si occupa di quello che la gente deve fare per campare, per mangiare, per mantenere le famiglie. Chi è che dovrebbe agire da mastino, da cane da guardia per far sì che queste cose vengano a galla, pungolando i politici? Dovrebbero farlo i mezzi d’informazione. Ma non lo fanno”.

 

Clicca qui per guardare l’intervento completo del direttore Paolo Liguori

 

Dedicare strade a Pannella e Carrà a Napoli, Liguori: “Complimenti all’Arcigay, noi del Riformista sosteniamo questa campagna”

“Il consiglio direttivo dell’Arcigay di Napoli ha proposto all’assessora alle Pari Opportunità del comune di intitolare una strada a Marco Pannella e una strada a Raffaella Carrà – esordisce il direttore Paolo Liguori nel nuovo intervento per la rubrica “Attenti a quei due” – Di questi tempi con una guerra in corso, con le calamità naturali che stanno infliggendo a tutti i paesi dei disastri, uno potrebbe pensare che sono proposte secondarie e risibili. Noi non crediamo assolutamente a questo. Anzi, dobbiamo complimentarci con l’Arcigay”.

 

Clicca qui per guardare l’intervento completo del direttore Paolo Liguori

 

 

Guerra, Liguori: “Meglio morire a Washington o a Pechino? Meglio non morire affatto”

“Ormai siamo dentro la guerra. Non siamo più un Paese che supporta un Paese aggredito. Dopo quattro mesi, i nostri alleati, ma soprattutto il grande alleato, Biden, dice Continuiamo a mandare altre armi, armi più pesanti – commenta il direttore Paolo Liguori – Ma per fare che? Per liberare la parte del Donbass? Probabilmente, se si continuerà a fare guerra in quella zona la Russia conquisterà un altro pezzo di territorio; due mesi fa la situazione era più vantaggiosa per l’Ucraina, ma nessuno voleva trattare”.

 

Clicca qui per guardare l’intervento completo del direttore Paolo Liguori

 

Scissione 5 stelle, Liguori: “Il Movimento ne esce umiliato, ma il migliore di tutti è di nuovo Grillo”

“È la fine Piero, ma forse anche l’inizio. I 5s sono arrivati al capolinea e si spaccheranno su una questione diventata dirimente perché non è la guerra o le armi ma il loro ruolo in Parlamento: dove devono stare e con chi devono stare. Conte dice state fermi, siamo con la maggioranza e con Draghi però lo contestiamo. Di Maio dice stiamo con Draghi nel progetto generale atlantista ed europeo. Si spaccano perché è necessario per Di Maio fondare un nuovo gruppo alla Camera e al Senato che raccolga tutti coloro che sono andati via in questi ultimi anni per fare una piattaforma per sopravvivere alle prossime elezioni”.

 

Clicca qui per guardare l’intervento completo del direttore Paolo Liguori

 

Carcerazione preventiva, Liguori: “Dalla presunzione d’innocenza stiamo arrivando alla presunzione di colpevolezza”

“Sono anni e anni che si batte sul fatto che la sicurezza si basa tenendo le persone in carcere. Non è così. In carcere dovrebbero andarci quelli presi in flagranza, quelli che stanno commettendo atti di violenza e potrebbero rifarli, in tale caso studiare anche percorsi alternativi al carcere, e poi la criminalità organizzata. Questi dovrebbero stare in carcere perché pericolosi per la società”. Esordisce così Paolo Liguori nella nuova puntata della rubrica “Fatela Finita”, dove con Hoara Borselli e insieme al direttore Piero Sansonetti si continua a parlare del referendum sulla giustizia, fallito a causa del mancato raggiungimento del quorum.

 

Clicca qui per vedere l’intera puntata della rubrica.

 

Matteo Renzi a Tgcom24: “Serve una giustizia giusta per i cittadini”

 

“Noi dobbiamo cambiare la giustizia”. Così il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, intervistato dal direttore editoriale di Tgcom24, Paolo Liguori. “Non mi interessa fare una battaglia politica alla magistratura, mi interessa una giustizia giusta al servizio dei cittadini. Se pensiamo a quello che è successo a me ti vengono i capelli ritti, ma la verità è un argomento testardo, parlano i fatti”. Poi un accenno al caso della Banca Etruria: “Una balla spaziale – chiosa il leader di Iv – e un’aggressione politica dei grillini, che ora sono finiti”.

Continua a leggere